Come promesso ecco il secondo tutorial di Halloween.
Non so i vostri pargoli, ma le mie ogni anno, a metà Ottobre, iniziano a stressarmi incitandomi a comprare ragnatele, ragni e ragnetti, zucche e zucchette, mostri di tutti i tipi e dita mozzate. Ammetto che qualche volta ho ceduto, esausta ed esaurita, a un incessante Dai Dai Dai Dai Dai…ma il risultato finale è stato trovare ovunque, e quando dico ovunque è ovunque, una specie di lanetta bianca sfilacciosa e appiccicosa, un po’ come quando per la prima volta compriamo i coriandoli e pensiamo dentro di noi “ma si dai, sono belli, piacciono a tutti e poi mia madre non me li comprava mai”, e allora consegni questo meraviglioso sacchetto tutto colarato nelle mani piccole dei tuoi angioletti e due secondi dopo come per magia ogni centimetro quadro della tua casa è ricoperta da coriandoli e ti ritrovi ad Agosto a passare l’aspirapolvere e non si sa come ma continui a trovarne, nei battiscopa, sotto il divano, nei mobili, fra i libri e  non si capisce come facciano a “nascondersi” per mesi e mesi  e  allora comprendi perché tua madre non li comprava mai!
Ai mie tempi Halloween qui in Italia non esisteva. Oggi è praticamente una specie di obbligo morale.
Comunque sia, quest’anno, non ho ceduto a farmi insozzare casa da schifezze strane ma mi dispiaceva deludere le miei polpettine, così mi è venuta un’idea: trasformare la loro casetta delle bambole in una casa dell’orrore! Fidatevi, loro saranno entusiasti, voi? Anche.

Materiali

  • Disegni di animali (ragni, gatti neri, streghe, fantasmi, pipistrelli)
  • Nastro adesivo
  • Nastrino viola per fare tende
  • Sacchetto per i rifiuti (quelli neri)
  • Stoffa grigia o nera
  • Tre staffe di legno, un piccolo rettangolo di compensato (o cartone) e della carta argentata per la ghigliottina
  • Una lampada colorata o una torcetta (se possibile una rossa e una bianca)

La mia casetta delle bambole ha tre piani quindi partirò da quello più in alto.

Terzo piano

Tetto e lettiRivestiamo il tetto della nostra casetta con qualcosa di  “macrabo”, come un tessuto nero o viola. Io ho usato un tessuto a “ragnatela” ma se volete potete ricoprire il tetto anche con del semplice cartoncino. Disegnamo e ritagliamo qualche fantasmino e qualche pipistrello e attacchiamoli quà e là. Con un sacchetto per i rifiuti neri facciamo delle coperte per i nostri lettini tagliando dei rettangoli e adagiandoli semplicente come faremmo con qualsiasi coperta. Poi aggiungiamo qualche dettaglio nero (io ho attorcigliato un cordino nero alla scaletta per renderla più gotica).

Secondo piano

Cucina e pranzoIl mio secondo piano è composto da cucina e sala pranzo. Aggiungiamo come prima cosa qualche ragnatela. Poi copriamo le finestre con delle tendine. Io ho usato dei nastrini di raso viola. Attacchiamo con del nastro adesivo qualche ospite: gatti neri, pipistrelli, ragnetti e ricopriamo alcune parti dell’arredamento con lo stesso tessuto che avete usato per ricoprire il tetto. Io ho fatto una tovaglia per la mia sala da pranzo e ho posizionato una zucchetta al centro della tavola.

Primo piano

Salotto e bagno.  Attacchiamo un ragnone dondolante in bagno e una ragnatela. Rivestiamo il tavolino del  salottino con la stessa tovaglia del secondo piano e le tende viola alle finestre come quelle della cucina. Un po’ di pipistrelli e gattini spaventosi e per rendere il tutto un po’ più spaventoso ho posizionato una piccola testa di una bambolina sul divano. Se ne avete la possibilità nascondete da qualche parte una piccola lucetta rossa….il risultato è davvero….brrrrr.

Ghigliottina

GhigliottinaIn ogni casa dell’orrore che si ripetti c’è almeno uno strumento di morte. Nella mia c’è un’inquietante ghigliottina costruita avvitando due staffette di legno ad una più piccola poi dopo averla forata per far passare un filo per alzare e abbassare la lama tagliamo un pezzetto di compensato o di cartone per creare la lama della nostra ghigliottina.

Rivestiamola con della carta argentata e fissiamola alla casetta.
Una casetta mostruosaLa nostra casetta degli orrori è finita pronta per accogliere tutti i vostri giochi da brivido

Prima e dopo

Dopoche dite…. meglio prima o dopo?

Spero che questo tutorial vi sia stato utile, lasciate nei commenti consigli, domande, critiche e sopratutto le foto della vostra creazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

wp-puzzle.com logo