Alcuni giorni fa una delle mie nane esordisce un pò arrabbiata e un pò supplicante chiedendomi: ” Perchè non ci fai fare più cose creative?”. Non me lo sono fatta ripetere due volte e ci siamo messe subito all’opera con un lavoretto di riciclo semplice, veloce da realizzare, adatta a qualsiasi tipo di arredamento e soprattutto che i bambini potranno creare anche da soli.

Materiali

  • Polistirolo o prodotto da imballaggio
  • Carta crespa
  • Colla
  • Oggetti decorativi a piacere
  • Cartoncino duro
  • Disegno
  • Tulle o altro …per fiocchetti ecc..

Primo passaggio

Ritaglio cornicePrendiamo un foglio di polistirolo o se proprio non ne avete andrà benissimo anche un rettangolo di un cartone duro. Tagliamo in centro ricavando una cornicetta ( questa operazione dovreste farla voi perchè il rischio e’ che venga una cornice mezza storta). Mettete da parte il rettangolo più piccolo che servirà più avanti.

Secondo passaggio

Carta crespaPrendiamo della carta crespa e ricaviamo tante striscette.

Terzo passaggio

MummificazioneMettiamo un pò di colla su ogni striscetta e iniziamo a fasciare la nostra cornice. Dobbiamo fasciarla per bene proprio come se stessimo imbalsamando una mummia. ( Spiegatelo così ai bambini, sembrerà più figo!)

Quarto passaggio

DecorazioniPrendiamo della colla vinilica e spennelliamo sull’intera superfice così da creare uno strato lucido e applichiamo le nostre decorazioni ( le mie bambine hanno scelto delle farfalline ed un fiocchetto di tulle). Lasciamo asciugare e intanto prendiamo il rettangolo che abbiamo precedentemente ritagliato e incolliamoci sopra un cartoncino bianco.

Ultimo passaggio

Quadro con corniceFacciamo un bel disegno su un foglio. Ritagliamo le parti che più ci piacciono ed incolliamolo sul cartoncino. Inseriamo il rettangolo col disegno nella cornice ed appendiamolo nella nostra cameretta. Questa creazione è stata pensata e realizzata da Asia e Gaia.

 

Spero che questo tutorial vi sia stato utile, lasciate nei commenti consigli, domande, critiche e sopratutto le foto della vostra creazione

 

 


1 commento

Buyviagra · Marzo 14, 2018 alle 10:02 pm

Carino lo spottino finale anti-anticasta, con il quale è difficile non concordare: è la democrazia, baby! A parte questo mi sembra che continuiamo a non renderci conto che per l’arte riproducibile è un momento analogo a quello che fu il passaggio dagli amanuensi benedettini al torchio di Gutenberg. Pensare di mantenere il copyright e altri diritti acquisiti nell’epoca della nuvola, delle memorie di massa, della rete infinita, è pura illusione. Ma prendiamo la musica che Spotify rivende e pensiamo a cosa era prima del vinile, forse ci possiamo rendere conto del guadagno che c’è stato solo in funzione della riproducibilità e non del genio. Allora è bene che i musicisti facciano i concerti dal vivo, se ne sono capaci, magari agli angoli di strada o nelle piazze. Un’ultima cosa, Spotify e le televisioni e anche i giornali, non vendono musica o notizie, ma la pubblicità che sta tra una canzone e l’altra, tra una pagina e l’altra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

wp-puzzle.com logo