Non sono speciale. Non ho doti innate e nemmeno particolari abilità. Sono una persona normale. Normale come chiunque altro. Tuttavia, nella mia normalità, ho avuto la fortuna/sfortuna di nascere da due individui che tanto normali non lo sono mai stati!

Fin da piccola mi è stata inculcata l’idea che NIENTE è impossibile. Qualsiasi cosa tu voglia fare,chiunque tu decida di voler diventare, con “sudore e sangue” tutto è possibile.

“Allenati tanto e riuscirai….”, “Studia tanto e diventerai…”, “Fai le cose con calma e metodo….”, “Non fermarti al primo ostacolo!”, “Sii tenace e vedrai…”, “Se lo vuoi veramente….”.

Ora, capirete che, per una superpigra come me, che al primo ostacolo sulla mia retta via non esita un’istante a svoltare a sinistra!, mi è sempre risultato difficile pensare di poter diventare VERAMENTE presidente della Repubblica!

Ho cambiato tanti lavori, spesso molto diversi fra loro. Non sono mai stata costante in niente. Ma ho imparato moltissime cose. Tutte diverse. Mille cose senza mai eccellere in nessuna. Voglio dire, è una grande abilità anche questa!

…E poi cresci, diventi adulta, ti sposi, nasce la prole e arriva un cane e un giorno qualsiasi, ti ritrovi cosi’, alle 10 del mattino sola in casa col tuo scagnozzo, silurata da quel lavoro che ormai facevi da un po’, senza le figlie che ormai grandi sono a scuola e ancora tanto giovane da non poter pensare che la tua individualità e il tuo posto nel mondo sia tutto lì.

Questo blog nasce in uno di quei momenti, ma soprattutto nasce grazie all’uomo che dorme con me da ormai dieci anni, strano e folle come i due individui che mi hanno generata e amorevolmente cresciuta ed è proprio da loro che voglio partire.

Tutto cio’ che troverete su mammatella.it e’ stato realizzato con “calma, metodo e pazienza” e se ci sono riuscita io, potete farlo anche voi!

“Se ti manca cio’ che facevi
torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite.
Insisti,
anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arruginisca il ferro
che c’e’ in te.
Fai in modo che invece
di compassione
ti portino rispetto!”

Madre Teresa